Sindacati di base cosa sono

Per l’analisi del lavoro “nero”

sindacati di base cosa sono

La Federazione CGIL, CISL, UIL fu l'unione paritetica fra i tre sindacati confederali italiani CGIL Protagonisti di questa nuova stagione sono i comitati di base, che prima affiancano e poi sostituiscono le commissioni interne. Al Petrolchimico.

come   per   streaming   con    cameron diaz and justin timberlake beach   windows xp sp3 iso download   sex and the city prequel

Assistiamo, oramai da lungo tempo, ad una profonda trasformazione della funzione del sindacato tradizionale. Dal sindacato come soggetto autonomo per il conflitto sul salario, si assiste alla formazione di una organizzazione manageriale che svolge una funzione attiva nella segmentazione della forza-lavoro e nel processo di trasformazione del welfare. Le politiche fiscali restrittive e la ferrea disciplina di bilancio hanno momentaneamente raggiunto i risultati stabiliti: in termini redistributivi tra le classi sociali e nello stabilizzare alcuni rapporti di forza in Europa, tra le aree centrali e quelle periferiche. E che ruolo avranno le organizzazioni sindacali tradizionali? Due interventi che, evidentemente, con logiche profondamente diverse, riguardano la mediazione salariale e chiamano in causa lo Stato come soggetto di regolazione.

Cosa sono i Fondi Paritetici Interprofessionali? Quali sono i vantaggi? Aderire a un Fondo Interprofessionale comporta numerosi vantaggi, tra cui:. Abbiamo corsi specifici in relazione alle seguenti aree:. Eulab Consulting opera con successo su tutti i principali Fondi Interprofessionali. In particolare, per i dipendenti:. Per i dirigenti:.

Si ha la sensazione che le parti si siano limitate ad aprire un cantiere, tracciando linee destinate ad essere approfondite nel futuro. A ben vedere, gli accordi precedenti costituivano una risposta emergenziale alle spinte provocate dalla scossa tellurica di Pomigliano. Esso costituisce la risposta che le parti hanno voluto dare su due versanti. Un tema soprattutto va segnalato per la sua particolare importanza dal punto di vista della crescita della cultura delle relazioni industriali: il tema della partecipazione. Si tratta di un accenno molto breve, troppo breve. Costituisce un semplice seme, ma di importanza epocale. Quello della reazione al disordine del sistema della contrattazione ed alle pratiche di dumping contrattuale.

Gli analisti vedono rischi per la fusione con Open Fiber. Il 18 luglio terminavano dopo 3 tre giorni le famose "trattative" Sic! In precedenza, a seguito della firma da parte della maggioranza del coordinamento nazionale RSU dell'accordo in sede aziendale, si sono svolte le assemblee dei lavoratori per ratificare gli accordi sottoscritti. Nei giorni scorsi, subito dopo la sottoscrizione dell'ipotesi di accordo, si sono tenute assemblee in tutti i posti di lavoro di Roma e del Lazio, per presentare e sottoporre al voto dei lavoratori e delle lavoratrici di TIM i verbali del 18 luglio. Hanno partecipato in 1.

Con il assistiamo al declino e alla conclusione dell'esperienza unitaria a seguito del taglio della scala mobile [3] operato dal governo Craxi. Seguiamo la sequenza dei fatti. Nel dicembre gli elettromeccanici milanesi sono protagonisti di una intensa lotta, culminata con la partecipazione di A seguito di quella lotta, centinaia di accordi aziendali sono siglati nelle aziende del settore. Dopo lotte molto dure i sindacati dei metallurgici siglano con l' Intersind e l'Asap - le associazioni delle aziende a capitale pubblico - un accordo che, rompendo il fronte padronale, riconosce per la prima volta il diritto alla contrattazione articolata , anche se in termini meramente applicativi del contratto nazionale. Nelle Confederazioni si infiamma il dibattito sull'autonomia sindacale.



Carrefour, intesa coi sindacati su 580 licenziamenti

Il procedere della globalizzazione, accelerato negli ultimi decenni dallo sviluppo delle comunicazioni e dei trasporti, ha coinvolto ogni area del pianeta nel ciclo infernale della produzione capitalistica. Ma ormai il capitalismo, giunto alla sua fase di piena decadenza economica, come anche ideale e morale, cerca di sopravvivere a se stesso sfruttando ogni risorsa del pianeta, naturale ed umana. Altri milioni di disperati sono costretti a fuggire da guerre senza fine, fomentate dalle borghesie imperialiste per accaparrarsi le risorse naturali o per occupare zone di importanza strategica e militare, come in Medio Oriente o in Africa centrale.

.

.

3 COMMENTS

  1. Raycawaport says:







  2. Sonsoles A. says:







  3. Byron B. says:







Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *